Firenze
+39 3480657184
info@teamfelici.it

Quali sono le fasi di sviluppo di un Team?

Team Felici per Ristoranti felici

Il modello delle fasi di sviluppo del team è stato proposto per la prima volta nel 1965 da Bruce Tuckman per cercare di spiegare come si evolve un team nel tempo. (Developmental sequence in small groups)

Come Restaurant Manager, sapere e seguire in un modo preciso le varie fasi di sviluppo del proprio team, è di vitale importanza per il progetto e gli obiettivi che devi raggiungere.

Le cinque fasi di sviluppo sono: Forming,  Storming, Norming, Performing e Adjourning. Tuckman sosteneva che queste fasi sono tutte necessarie e inevitabili al fine di far crescere il team, per affrontare le sfide e i problemi, per  trovare soluzioni, per pianificare i lavori e conseguire risultati.


Forming

Questo stadio prende forma quando in fase di avvio progetto i componenti del team si incontrano e iniziano a conoscersi ed a formarsi un’opinione reciproca su se stessi, gli altri, gli obiettivi e le modalità del progetto. Essi condividono le informazioni sul loro background e sul ruolo che ciascuno potrà giocare all’interno del lavoro da svolgere.

Storming

Quando il team comincia ad operare solitamente lo fa applicando la tecnica del brainstorming, cioè attraverso un processo, per la verità non sempre strutturato, in cui i singoli mettono a confronto le proprie idee su cosa fare e come farlo, selezionando le opzioni migliori. E’ inevitabile che i team attraversino questo stadio, in particolare quei gruppi che non hanno mai lavorato insieme precedentemente. Ognuno si trova in concorrenza con l’altro per l’accettazione delle proprie idee ed a fronte di opinioni diverse spesso nascono conflitti di competenza o di ruolo.

Norming

In questo stadio il team ha effettivamente iniziato ad operare con il giusto spirito di squadra. Gli obiettivi individuali non prevalgono su quelli di progetto, ma è forte la richiesta anche implicita di processi e procedure di lavoro strutturate. Vengono rispettate le opinioni personali e valorizzate le differenze e vengono condivise alcune regole di base su come collaborare e gli strumenti concettuali ed operativi per completare il lavoro.

Performing

In questo stadio il team opera con un elevato livello di produttività e vede il lavoro come lavoro di gruppo e gli obiettivi come obiettivi da raggiungere in gruppo.I membri del team hanno avuto tempo e modo di conoscersi, avere fiducia reciproca e fare affidamento l’uno sull’altro. Si percepiscono come interdipendenti e sono estremamente determinati a completare il lavoro.Non tutti i team raggiungono questo stadio e molti si fermano allo stadio del norming. Quando si trovano in disaccordo, i membri del team affrontano la situazione ricercando un consenso condiviso, senza interrompere l’avanzamento del progetto. Se ci deve essere un cambiamento nei processi di lavoro, la squadra arriverà ad un accordo su come cambiare autonomamente i processi, senza ricorso al team leader.

Adjourning

In questo stadio il progetto è in fase di ultimazione dei lavori ed i componenti del team stanno completando le attività assegnate e già intravedono i nuovi progetti cui saranno assegnati. E’ importante che in questa fase ci sia modo di riconoscere le nuove competenze acquisite lavorando sul progetto, i traguardi raggiunti, le difficoltà superate. le lezioni apprese. Ciascun membro del team deve lasciare il progetto come un’esperienza di successo, da ripetere nei progetti successivi, facendo tesoro degli errori per non ripeterli, e confidando sul riconoscimento, sulla stima e sulla fiducia altrui come potenti stimoli alla crescita professionale.

In breve, alcuni punti:

FormingStormingNorming Performing Adjuorning
Inclusione e
problemi di
fiducia
Scarsi risultati
Morale
elevato
Problemi di
potere,
controllo
Risultati moderati e
discontinui
Morale basso
Le questioni
vengono
risolte
Risultati
crescenti
Morale
crescente
Non ci sono
questioni
Risultati
elevati
Morale
elevato
Problemi di
perdita e
separazione
Risultati
decrescenti
Morale
stabile..

.. e poi c’è la fase “mourning” perché anche le cose belle, finiscono.


Come Manager o responsabile dello sviluppo di team, hai la possibilità di poter intervenire sulle dinamiche di sviluppo, e di utilizzare una leadership efficace in ogni momento.

Gli ultimi studi ci dicono che, ogni strategia, ogni metodo e ogni strumento che stai utilizzando nel tuo business, potrebbe non servire a niente senza l’appoggio di tutta la tua squadra!


Fonti articolo: https://en.wikipedia.org/wiki/Tuckman%27s_stages_of_group_development

“Development sequence in small groups” B.Tuckman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *